Crea sito

Il Salame di Cioccolato

La mia ricetta di oggi è il salame dolce di cioccolato.

Nei miei ricordi, legati a questo dolce, emerge mia nonna Teodolinda, Teodolinda in onore della regina di Monza. La mia nonna paterna, ha sempre vissuto con noi. Quando morì mio nonno, Carlo Napoleone suo marito, mio padre, il figlio minore,  decise che non poteva lasciar sola sua madre, anche perché, una volta usava così, almeno nelle famiglie clan come la loro famiglia. Uso questo termine: clan, perché mi piace. Di solito viene associato al sud Italia, noi come origine proveniamo dal profondo nord Italia ed abbiamo sempre vissuto nello stesso luogo! Mio nonno, nato insieme al suo gemello, avevano anche una sorella di due anni più Grande. Loro tre, erano molto uniti, al punto che nonostante avessero formato le loro famiglie, hanno abitato sempre insieme, nelle corti. Così c’era spazio per tutti. Quando cambiavano casa, anzi corte, lo facevano sempre tutti insieme. L’importante era che fossero sempre insieme, i tre fratelli e si amarono così profondamente per tutta la loro vita.
Infatti, quando mio nonno, il fratello più cagionevole, morì prematuramente, (e meno male che mia nonna era una donna energica, moderna, che lavorava e con grande orgoglio, ripeteva sempre che era stata maestra di tessitura),  successe un fatto di cui se ne parlò per molto, molto tempo e che mi fece riflettere molto sul bene dell’amore fraterno. Queste storie, ovviamente, mi sono state tramandate oralmente da genitori e parenti, perché la nonna non ne parlò mai: proteggeva i suoi dolori con pudore misto ad orgoglio e quello che il fato e la vita le riservava, sempre con dignità e in silenzio.

Mi spiego meglio: muore mio nonno, ancor giovane, cinquantenne (oggi i cinquantenni, sono ancora considerati ragazzi o ragazze), mio nonno soffriva di una patologia con gravi problemi respiratori, un po’ a causa del tabacco, un po’ per il suo lavoro di falegname. (Mio padre avrà lo stesso destino, troppo prematuro per me).
Il fratello del nonno: bello come un adone ed in salute, mancherà nel giro di poche ore per il dispiacere della perdita dell’adorato fratello gemello. La sorella invece, morirà di crepacuore dopo tre giorni, appena terminato di accompagnare gli amati fratelli alla tomba.

Una storia tristissima e toccante, che ti vien voglia di buttare là, se fosse scritta in un libro, perché la morte fa così paura, che spesso non la si vuol nemmeno nominare, riguarda sempre gli altri. Questa storia, mi ha lasciato in eredità un grande senso di amore e di famiglia, perché in questo genere di ricordi e di racconti, ci sono dolori, risate, calore, amore e molti insegnamenti che ci aiutano a diventare persone migliori. Quando la nonna si isolava in cucina, nelle diverse ore della giornata, che non fossero pranzo o cena, sicuramente era per scacciare la tristezza e svuotare la sua mente. E spesso era per preparare il salame di cioccolato dolce.

Salame di Cioccolato

Ricetta semplice di un tempo passato, composta da ingredienti semplici e facili da trovare in casa.
Ingredienti per 8 persone:

  • 250g di biscotti secchi,
  • 100g di zucchero,
  • 50g di cacao amaro in polvere o in tavoletta di cioccolato,
  • 100g di burro a temperatura ambiente,
  • 2 uova,
  • 1 cucchiaio di Rum,
  • zucchero a velo per decorare.

PROCEDIMENTO

Prendete un asciugamano o un foglio di carta oleata, adagiate i biscotti e batteteli sbriciolandoli con un pestino. Mettete le uova in una ciotola grande e lavoratela con una frusta. Aggiungere lo zucchero e quando il tutto è omogeneo, aggiungere il rum. Mescolate e inserite il burro ammorbidito, continuando a lavorare l’impasto. Aggiungere il cacao e i biscotti a pezzettini. Quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati, passate l’impasto su una spianatoia, dandogli la forma del salame e cospargetelo con zucchero a velo. Infine utilizzate un foglio di carta argentata per avvolgere e lasciate a riposare in frigo per 2 ore.

Buon appetito!

Ti potrebbe interessare anche...