Crea sito

Le foreste più belle d’Europa

Bentornati amici per scoprire insieme le 15 foreste più belle d’Europa.

Nell’articolo precedente abbiamo conosciuto le prime sette foreste incantate, un viaggio tra bellezza, mitologia, castelli e la possibilità di lunghe passeggiate.
Proseguiamo il nostro itinerario fermandoci in altre suggestive distese verdi, luoghi misteriosi, silenziosi e affascinanti.

8- Trillemarka – Rollagsfjell, Norvegia.

Difficile da pronunciare ma quando si tratta della nostra amata Norvegia si apre il cuore. Trillemarka è l’ultima delle antiche foreste del paese,pensate copre una vasta superficie di ben 147km al quadrato, sita tra Nore in Numedal e Solevann in Sigdal.

Tutti abbiamo visto se pur una sola volta, immagini stupende della Norvegia, ricca di acqua: valli, fiumi, laghi e alberi molto vecchi. In Trillemarka la fauna è ricca di tante specie di animali, ma purtroppo vi sono 93 specie di animali in via d’estinzione tra cui il picchio. Per gli amanti della Norvegia ricordatevi Trillemarka.

9- Foresta di Hallerbos, Belgio.

Una delle più famose e visitate è proprio la splendida foresta Bluebell, unica nel suo genere. Pensate,ogni anno in Aprile-Maggio, migliaia di campanule coprono le vaste aree di suolo,davvero uno spettacolo di colori che attira molti visitatori pronti ad incantarsi.

10- New Forest, UK.

Oltre 900 anni fa, questa era zona di Guglielmo il conquistatore. Oggi è patria di graziosi pony, cervi e mucche.Il parco nazionale si estende nell’Hampshire sudoccidentale, tra boschi, brughiere, prati e paludi, vivono meravigliosi villaggi pittoreschi,un ispirazione per artisti pittori. Per gli amanti delle passeggiate e soprattutto dei cavalli, abbiate a mente New Holland Forest.

11- Foresta di faggi, Germania.

Le foreste antiche della Germania sono le più estese in Europa. I più alti e grandi faggi del mondo adornano cinque di esse, sono Patrimonio dell’umanità. Quanto ossigeno!

12- Foresta di Paimpot, Francia.

Conosciuta anche come Brocelandia, si trova nel cuore della Bretagna. In questa foresta ci si ritrova in un labirinto di alberi e strade, luoghi incontaminati dove lo spirito trova pace.Qui si rivive la leggenda di Mago Merlino, la Dama del lago o della fata Morgana e dei cavalieri di Re Artù. Un intreccio di miti e leggende che dà vita ad una foresta magica. 
Bambini fatevi avanti per questa avventura unica!

13- Foresta di Bialoweiza, Polonia – Bielorussia.

In questa magica foresta è stato scoperto un cerchio di pietre,da qui si pensa custodisca misteri irrisolti, andiamo a scoprire perché…

Intorno a questa costruzione in pietra,gli alberi, specialmente querce, in apparenza si distinguono e differiscono dagli altri alberi della zona, infatti quelli vicino al cerchio crescono sviluppando tronchi diversi. Rappresentano proprio una regola che richiama rabdomanti e geomantici, i quali sostengono che da queste pietre si sprigioni una particolare energia positiva.

Proprio in questi luoghi,in epoca precristiana,le antiche popolazioni slave eseguivano rituali. Il cerchio di pietre nasconde nei secoli una leggenda: un Dio potente con quattro facce governava il territorio di Bialowieza, si chiamava Lasowid. In una notte di luna piena egli vide una ninfa particolarmente attraente presso una delle tante fontane della foresta e se ne innamorò. Da questa unione nacque un figlio chiamato Wisz, che diventò un adulto forte e pieno di ambizione. Nello stesso periodo, nel bosco viveva anche una vecchia strega che, vagando per la foresta, scoprì una zona particolarmente adatta a compiere i suoi incantesimi ma mancavano degli elementi, ovvero delle grosse pietre provenienti dalle profondità del lago. Ed ecco che entra in scena Wisz che propose un patto alla vecchia strega: egli avrebbe estratto e posizionato le pietre se lei lo avesse aiutato a detronizzare il padre. Wisz portò a termine la sua parte del patto e in una sola notte il cerchio di pietre fu pronto, ma la strega anziché rispettare la promessa, accese un grande fuoco e ingannò Wisz, trasformandolo in una pietra, che ancora oggi si trova all’interno del cerchio.

14- Foresta di Hoia, Baciu – Romania

Moltissimi curiosi hanno tentato di avventurarsi in questo luogo più misterioso della Romania. Si trova nella regione Ardeal, pare di essere una sorta di “porta tra i mondi” proprio perché tra gli alberi, il fruscio del vento sembra provenire da un altro mondo dove “tutte le paure del subconscio umano prendono vita”.

Questa foresta è diventata famosa nel 1968, è stata argomento di tabù per molti anni. Alcuni visitatori hanno avuto sintomi di nausea, ansia, mal di testa… sarà suggestione o la grande quantità di ossigeno? Intanto questo posto è considerato dimora del diavolo.

Alexandru Sift, un biologo, ha iniziato a studiare quei fenomeni paranormali che si dice avvengano qui, è stato sedotto dalla fama di questa foresta e incuriosito da tutte le storie incredibili che sentiva dalla gente del posto. Scattando alcune foto è riuscito ad immortalare delle ombre, alcune altre forme, luci e figure che si sono materializzate solo sulla pellicola. Da allora, molti ricercatori sono stati attirati da questo luogo.Ma il fatto più strano accadde nell’agosto del 1968, quando un ex militare di 45 anni, ignorando l’avvertimento degli abitanti del villaggio, è andato a trascorrere qualche ora di riposo durante il fine settimana con la sua ragazza e altri due amici di famiglia. Di ritorno dalla raccolta della legna, i quattro hanno visto quello che sembrava essere un UFO che volava sopra la foresta, senza fare alcun rumore. Lo strano oggetto volante ha iniziato a brillare all’improvviso ed ha accelerato verso il cielo. I quattro sono riusciti a scattare delle fotografie che, una volta sviluppate, sono state definite dagli esperti “le più chiare immagini di un UFO scattate in Romania e alcune delle più belle mai realizzate.

Anche se la Foresta di Hoia-Baciu continua ad avere testimonianze di visitatori che dicono di aver visto strane luci nella notte, strane apparizioni umane, voci ovattate,siate temerari e lasciatevi trasportare in un altro mondo.

15- Foresta Nera, Germania.

Icona di fiabe e leggende e simbolo di narrazioni storiche, la foresta nera ospita numerose e ampie varietà di flora e fauna esplosive nel loro verdeggiare, il suo nome deriva da questa fittissima vegetazione che non permette il sole di penetrarvi.
Si narra di maghi e streghe che hanno trovato casa in questo luogo.

Si racconta dei “Freischützen”, ovvero soldati che aiutati dal diavolo sparavano pallottole mortali, di lupi mannari e di apparizioni paranormali come quelle dei monaci del monastero di St. Blasien, le loro anime sono rimaste a vagare dopo la loro morte.
E ancora, di streghe responsabili di morie di piante, animali e di intemperie.
Nonostante la sua nomea la foresta continua ad attirare visitatori di tutto il mondo.

Insomma amici, il mondo è pieno di meraviglie naturali che si estendono incontaminate, pronte ad incantarci e a renderci la vita straordinariamente possibile. Senza di esse non avremmo ragion di esistere!

Ti potrebbe interessare anche...