Crea sito
Lo spirito dei canali energetici

Lo spirito dei canali energetici

Esiste uno spirito che abita i canali energetici? A mio giudizio sì e in tal senso ho portato avanti uno studio anni fa che è sfociato in una pubblicazione (Il sussurro dell’anima). Abbiamo detto in un altro articolo che il canale è risonanza dell’organo del quale porta il nome. Trattando il canale, stimolandolo con gli aghi, con sfregamenti, con la moxa (sigaro di artemisia per portare calore all’interno del corpo e tonificarlo) e con il massaggio oltre che con la pressione, è come se trattassimo l’organo o il viscere corrispondente con degli effetti che a volte sono sorprendenti. Anche se in realtà molto dipende dal tipo di punto trattato, perché esistono anche categorie specifiche di punti energetici che hanno quindi una funzionalità precisa in tal senso ma dei quali parleremo magari in un altro articolo. Torniamo ai canali energetici principali.

Una delle tante mappe dei meridiani energetici

Trattarli in senso spirituale, o se si preferisce psicologico, ha un effetto chiaramente diverso e rientra in quella che viene definita “intenzione” espressa dall’operatore. Del resto gli organi sono abitati da spiriti o qualità psichiche e quindi anche i canali lo sono. Partiamo dal Polmone, un organo leggero considerato “il coperchio dell’Uomo” dai testi classici e che ci insegna, ogni giorno, il coraggio di lasciare andare: inspiro e prendo energia, espiro e lascio andare. Così anche l’Intestino crasso, deputato all’evacuazione di ciò che non ci è più necessario per la nostra evoluzione. E il ritmo, del respiro e della peristalsi, sono un ordinatore in quanto il metallo viene considerato tale, espressione per eccellenza della regola. (sheng si dice e non si può non pensare subito al suono metallico di una campana). I Reni sono la nostra essenza. Il nostro Jing e quindi la nostra capacità di sopravvivenza, la nostra volontà profonda di vivere, mentre il loro viscere che è la Vescica urinaria è il simbolo della stessa vita, ha 67 punti è un canale energetico molto lungo proprio perché la vita è considerata un lungo viaggio.

Il Fegato e la nostra Vescica biliare (cistifellia) sono il nostro Legno, ovvero la nostra capacità di far scorrere in modo armonico le nostre emozioni e il nostro stesso sangue. Nel Sowen si dice che “sono responsabili delle circolazioni armoniose”, quindi anche del nostro stesso equilibrio psicofisico. Ma soprattutto della direzione che darò alla mia vita (Cistifellia) e del coraggio che metterò nelle scelte da compiere (Fegato). Nel nostro Cuore alloggia lo Shen, lo spirito per eccellenza che è simboleggiato da una coppa che tutto può accogliere ma dove nulla deve sostare per troppo tempo, altrimenti l’Imperatore dovrà fare i conti con un peso che gli farà del male. Il suo viscere, l’Intestino tenue è con il Pericardio e il Triplice riscaldatore (una funzione più che un organo) nella loggia energetica del Fuoco. Quando voglio pacificare, calmare gli spiriti e la mente devo trattare proprio questi canali energetici. In particolare parlando di Intestino tenue siamo nell’ambito della scelta, ovvero di ciò che è giusto per me e per nessun altro. Solitamente si dice che lo stomaco mangia per fame, mentre il tenue sceglie il gusto di ciò di cui vuole cibarsi. Infine la Terra ovvero la Milza e lo Stomaco, la Milza è ciò che rende possibile la realizzazione di un progetto. La Terra trasforma il seme, come la Milza trasforma l’intenzione in azione per realizzare ciò che più ci sta a cuore, il nostro stesso destino. Lo stomaco è il canale psichico per eccellenza: non si digerisce solo il cibo come non ci si nutre di solo cibo, ma anche di emozioni e relazioni. E lo stomaco è un canale bellissimo il cui inizio è negli organi di senso, il primo punto sta nella nostra pupilla, a significare proprio che anche ciò che vedo o ascolto è nutrimento. Il canale prosegue fino al secondo dito del piede, passando per l’addome. In quanto io introito il nutrimento, di qualsiasi genere sia, lo elaboro per digerirlo e lo riporto al mondo attraverso le mie gambe e i miei piedi in modo totalmente gratuito. Ma soprattutto lo riporto in un modo nuovo e diverso perché come dice la sinologa Giulia Boschi nel suo libro “La radice e i fiori”: “la conoscenza cambia l’oggetto conosciuto” in quanto durante l’elaborazione l’oggetto conosciuto si arricchisce di chi io sono.

Dopo questa breve disamina diventa chiaro come sia importante decidere quale punto di vista avere di fronte ai canali energetici, perché se prendiamo in considerazione il loro significato spirituale possiamo aiutare la persona ad evolvere da un punto di vista umano.