Crea sito
Marte: un grande alleato dei nostri tempi!

Marte: un grande alleato dei nostri tempi!

di Laura Bendoni

In effetti debbo dire che mai avrei immaginato che proprio “lui”, Marte, il dio della guerra, si muovesse a compassione offrendo alla Terra e ai suoi abitanti, il suo grande sostegno in un tempo prezioso come il nostro, dove la necessitĂ  di risolvere con il passato, lasciando andare le vecchie zavorre che limitano il nostro passo, è probabilmente il punto di svolta necessario per vivere finalmente nel tempo presente! Non lo avrei proprio immaginato… del resto Marte è un pianeta alquanto veloce nel suo muoversi, sembra quasi non avere pazienza nel dover attendere! Lui non si mette in fila e da bravo guerriero si catapulta in avanti con determinazione, dinamico e reattivo quale è! Non ha paura, non teme… la sua essenza è potente come la sua passionalitĂ  che stravolge chi lo osserva quando “Lui”entra in azione.

Ma le cose cambiano anche nel cielo così come cambiano in terra.. e Marte ora non impugna piĂą le armi e forse non desidera neanche piĂą essere definito il “dio della guerra” ma un semplice “Guerriero” tendente piuttosto alla realizzazione di azioni forti ma orientate verso uno scopo… il coraggio lo accompagna da sempre!  Certo, direte voi, un guerriero come Marte può solo essere coraggioso… in fondo, cosa è cambiato in questo archetipo? Beh osservando i suoi transiti, direi che anche lassĂą l’effetto evolutivo si evidenzia fortemente… potrei dire che Marte non era proprio portato ad ascoltare l’anima che in realtĂ  dal lato opposto del suo sistemanel cerchio zodiacale, lo sosteneva in silenzio con la sua velata presenza.

Venere, che sta nel cuore, lo osservava, lo ispirava, gli ricordava che la forza non è violenza, che il vero potere si manifesta nell’ordine piuttosto che nel disordine di una mente che mette in secondo piano il cuore… si impegnava molto Venere in questo compito non facile da sostenere e poi sappiamo che i pianeti lavorano sempre in coppia: la Luna con il Sole e Mercurio ne rappresenta l’espressione.

Saturno con Giove e Urano un po’ eccentrico tendente ad una libertà senza limiti, collabora con tutti i pianeti quando occorre la sua presenza… Marte però, così autonomo, così intento a svolgere il suo compito da guerriero come era solito fare, non aveva la pazienza di ascoltare Venere che gli parlava attraverso il linguaggio dell’anima che conosce molto bene la modalità attraverso la quale il pianeta rosso può ascoltare… Venere seduce… la sua dolce espressione arriva anche al cuore di un guerriero che simbolicamente indossa sandali e pelle di ariete a mo’ di abito… ora Venere lo accende ancora di più entrando nella fiamma di un fuoco che non brucia, divampando in una passione che per eccesso danneggia, mentre nell’estasi di un abbraccio dove sentimento e volontà si incontrano, ecco che accade il miracolo e l’estasi diventa pura consapevolezza.

Così ora Marte canalizza in modo nuovo la sua “forza forte”; lo vediamo scortare i pianeti lenti che con passo solenne attraversano il cielo lasciando cadere sulla nostra umanità i semi di una nuova consapevolezza che speriamo germoglivelocementenel cuore di ogni essere senziente affinché proprio come Marte, possa trasformare “il piombo di un ego troppo tronfio di se, nell’oro dell’amorevole energia di chi sa veramente darsi senza chiedere”! Marte accompagna i pianeti lenti che hanno un nome: Giove , Saturno e Urano.. proteggendone l’intento e assicurando che il disegno che informerà la “Nuova Coscienza” sul piano terra raggiungerà lo scopo tanto atteso.

Chi segue i disegni del cielo, chi li osserva e ne percepisce il messaggio, si accorgerà di quanto “il Guerriero” abbia imparato a modificare il suo innato ritmo: Marte non corre più.. cammina fianco a fianco con i grandi pianeti che unendo le loro forze, sembra vogliano stimolare quel germoglio ormai visibile nel nostro cuore.. i transiti di Marte si dilatano e così quei brevi periodi che un tempo caratterizzavano il passo del Pianeta di fuoco, ora diventano periodi lunghi; anelli di sosta che durano molti mesi, spesso assomigliano al tempo e al processo di gestazione che conosciamo perfettamente nel percorso che inizia quando ovulo e spermatozoo si incontrano; ovvero quando Marte e Venere si appassionano dando inizio al processo di una nuova vita che culminerà nella nascita dove Sole e Luna uniranno le loro forze spirituali.

Evidentemente questo modello di nascita, antico nel suo processo ma nuovo nella sua espressione, è ora fortemente attivo per accompagnare la nascita di una nuova coscienza.

Marte spinge e sostiene la forza di Saturno, di Giove e di Urano… con il primo l’accordo consiste nella possibilitĂ  di “velocizzare” la risoluzione di ciò che non è stato ancora risolto e che noi chiamiamo “karma”, ovvero quel lavoro che dobbiamo svolgere come compito di vita per sciogliere i nodi che ci tengono bloccati in quelle esperienze che chiamiamo “coazioni a ripetere” che oggi sappiamo condizionano la nostra vita come hanno condizionato la vita di chi ci ha preceduti influenzando inevitabilmente anche la vita di chi arriverĂ ;  lasciar andare quindi… liberarci… liberare e poi aprire il nostro cuore al “nuovo”…

Con Giove si creeranno le condizioni favorevoli affinché la fiducia possa diventare “affidamento” nei confronti della vita e finalmente crederci con l’entusiasmo che dà gioia, modificando così le false convinzioni attraverso un atteggiamo di totale apertura e di possibilità piuttosto che rimanere bloccati in quelle false sicurezze che spaventano attivando in noi tante paure che ci addormentano e ci costringono ad abbracciare un sistema di  vita non autentico; un sogno sognato.

E con Urano? Beh lo sappiamo! sebbene l’appartenenza ad un sistema sociale sia evidente, il bisogno di “sentirci liberi” da sensi di colpa, paure, condizionamenti e quant’altro, diventa il punto di riferimento piĂą importante e nel contempo uno degli scopi da realizzare affinchĂ© si possa accedere alla dimensione che chiamiamo “individualità”, cadono così gli schemi… l’osservazione è fortemente attiva in noi e Urano ci chiede di non fermarci, di andare avanti, di procedere verso il superamento dell’ostacolo che ci limitaecco… Marte si è tolto i calzari e si è spogliato del suo vecchio abito, riconosce il linguaggio della sua compagna Venere che lo ispira edora si dedica ad un’opera straordinaria dove il coraggio si esprime attraverso il significato che lo rappresenta e ci sostiene nel considerare una grande veritĂ : la parola “còrcòrdis ’cuore’ e il verbo “habere” diventano la nostra naturale affermazione: “avere cuore”.

Così Marte diventa l’esempio pratico e sembra dire: ”la forza è nel cuore”  perchĂ© negarlo? E’ lì che la vita accende la vita di ognuno di noi permettendoci di essere.