Il Sorriso interiore

A volte il Tao propone l’assoluta semplicità. E’ il caso del Sorriso interiore, una tecnica della pratica taoista proposta di recente anche dall’associazione Placebook nell’ambito dell’iniziativa “Meditiamo insieme”. Si sorride con gli occhi, con la bocca, con il cuore e si invia questo sorriso a varie parti del corpo, dalla colonna vertebrale, alle tre cavità (cranica, toracica e addominale) fino agli organi. Scopo di questa pratica è quella di ritrovare l’unione con se stessi, ma anche con l’intero mondo che ci circonda. Dare ascolto a se stessi e ai messaggi che ci arrivano dal nostro corpo è il primo passo verso la consapevolezza. Ma non solo, è tramite l’ascolto che si impara come funzionano i nostri sistemi fisiologici, il nostro respiro e quali effetti possa avere una tale pratica, insieme allo stile di vita, su tutto ciò. Sulla nostra intera esistenza. E sulla nostra evoluzione.

E non c’è niente di piĂą semplice che sorridere, per stare bene. Guardiamo le statue del Buddha, possono avere diversi copricapi e le mani essere atteggiate in diversi modi, ma il sorriso è sempre presente sui loro visi. A volte è appena accennato e può sembrare enigmatico, ma c’è.

Quando ci sentiamo stanchi e privi di energia, quando iniziamo ad accusare sintomi di indebolimento della nostra salute possiamo iniziare a sorridere, appunto e con estrema semplicitĂ  restare in ascolto per vedere come tutto cambia. Molto spesso in meglio.

Questa tecnica ci insegna a rilassarci, a calmare la mente e il respiro che sono i prerequisiti di una vita in salute. Dobbiamo solo sederci, con la schiena eretta (per una questione di movimento discendente del liquor), in una posizione comoda e iniziare a sorridere. Questa tecnica ha la funzione di dirigere la nostra energia verso le varie parti del corpo, rigenerando organi e cellule.

Andando avanti con la pratica possiamo anche apprendere come utilizzarla sui canali energetici e renderla utile a trasformare le nostre emozioni in virtĂą. Per coltivare una gratitudine che ci cambierĂ  la vita in meglio. La filosofia che sta alla base della pratica si basa sulla teoria dei 5 elementi di cui abbiamo giĂ  parlato in precedenza (leggi qui). Del resto sorridere crea uno stato di benessere in quanto favorisce la produzione di endorfine.

E’ una meditazione semplice quella di cui stiamo parlando e finalizzata alla nostra salute e al nostro benessere, oltre che alla coltivazione della compassione verso gli altri esseri. Coltivando la nostra energia vitale allontaniamo lo stress e la conseguente produzione di ormoni che ci fanno male, come il cortisolo e l’adrenalina.  Inoltre, possiamo sbloccare l’energia che abbiamo accumulato in qualche organo sotto forma di emozione trattenuta, liberandola e sentendoci maggiormente vitali. In questo modo possiamo affrontare la nostra quotidianitĂ , fatta di impegni e preoccupazioni grandi e piccole, con una rinnovata energia.

Tutto questo con un semplice sorriso.